QUERCETINA

Cos'è e cosa c'è da sapere

QUERCETINA CONTRO COVID-19: cos’è e cosa c’è da sapere!

Triste protagonista della pandemia attualmente in corso nel mondo è un virus altamente trasmissibile da uomo a uomo: SARS-CoV-2 (meglio conosciuto come Covid-19).
L’Organizzazione Mondiale della Sanità, ad oggi, dichiara che non esistono vaccini o farmaci specifici in grado di sconfiggere la malattia da Coronavirus.
Per tale motivo, molte sono le ricerche attualmente in corso per migliorare le possibilità di guarigione e sopravvivenza – e non dobbiamo stupirci se gli studi scientifici si indirizzano spesso su molecole di origine naturale al fine di sostenere il nostro sistema immunitario.
Dopo le ricerche condotte dal Team del Policlinico Universitario Tor Vergata e dall’Università La Sapienza di Roma sulla Lattoferrina (leggi il nostro approfondimento nella sezione news del nostro sito internet), ora la comunità scientifica ha rivolto le proprie attenzioni su una diversa molecola, già nota al grande pubblico per la sua attività antiossidante: la Quercetina.

COS’E’ LA QUERCETINA?
La Quercetina è un flavonoide, una molecola di origine naturale presente in abbondanza in alcune piante, come la calendula e la camomilla, e in alcuni alimenti come capperi, cipolla rossa e radicchio. Tale molecola è da sempre nota per le sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antiallergiche e anti-proliferative ed è ottimamente tollerata dall’uomo.

QUERCETINA E COVID
Uno studio internazionale condotto dall’Istituto di Nanotecnologia del Cnr italiano e con il supporto di un gruppo di ricercatori di Madrid e Zaragoza, pubblicato sull’International Journal of Biological Macromolecules, ha scoperto che la Quercetina funge da inibitore specifico per il virus responsabile del Covid-19, mostrando un effetto destabilizzante sulla 3CLpro, una delle proteine fondamentali per la replicazione del Virus.
Le simulazioni al calcolatore hanno dimostrato che la Quercetina si lega esattamente nel sito attivo della proteina 3CLpro, impedendole di svolgere correttamente la sua funzione, riducendone l’attività enzimatica. In altri termini, interferendo con la replicazione del virus e riducendo l’adesione cellulare all’ospite, la Quercetina sembrerebbe avere un’azione antivirale. Il dott. Bruno Rizzuti, autore della parte computazionale della ricerca, afferma: “Già al momento questa molecola è alla pari dei migliori antivirali a disposizione contro il coronavirus, nessuno dei quali è tuttavia approvato come farmaco. La Quercetina ha una serie di proprietà originali e interessanti dal punto di vista farmacologico: è presente in abbondanza in vegetali comuni come capperi, cipolla rossa e radicchio ed è nota per le sue proprietà anti-ossidanti, anti-infiammatorie, anti-allergiche, anti-proliferative. Sono note anche le sue proprietà farmacocinetiche ed è ottimamente tollerata dall’uomo”.

IMPORTANTE …
La scoperta è da accogliere con estrema prudenza in quanto lo studio sopra citato, condotto in vitro, è ancora fermo ad uno stadio preliminare.
In attesa pertanto che la comunità scientifica giunga a soluzioni definitive per sconfiggere il virus SARS-CoV-2, si raccomanda di seguire le misure di prevenzione fornite dalle nostre Istituzioni tra cui lavarsi spesso le mani, il distanziamento sociale e l’uso della mascherina, nonché di rafforzare il sistema immunitario attraverso il corretto utilizzo di integratori alimentari.

Vedi il nostro integratore alimentare

BIBLIOGRAFIA:
-Structural stability of SARS-CoV-2 3CLpro and identification of quercetin as an inhibitor by experimental screening,Olga Abian, David Ortega-Alarcon, Ana Jimenez-Alesanco, Laura Ceballos-Laita, Sonia Vega, Hugh T. Reyburn, Bruno Rizzuti, Adrian Velazquez-Campoy; International Journal of Biological Macromolecules, 164: 1693-1703, 2020;
-Ruben Manuel Luciano Colunga Biancatelli, Max Berrill, John D. Catravas and Paul E. Marik. Quercetin and Vitamin C: An Experimental, Synergistic Therapy for the Prevention and Treatment of SARS-CoV-2 Related Disease (COVID-19). REVIEW published: 19 June 2020.